L’Accademia Corale Stefano Tempia presenta “Schubert, l’ultimo incontro”

imgcoro

“Schubert, l’ultimo incontrolunedì 3 marzo ore 21, al Conservatorio “G. Verdi” di Torino. L’Accademia Corale Stefano Tempia presenta “Schubert, l’ultimo incontro” che verrà proposto lunedì 3 marzo alle 21 presso il Conservatorio “G. Verdi” di piazza Bodoni a Torino.

Il concerto, omaggio a una delle ultime composizioni dell’artista viennese, sarà interpretato dal baritono Furio Zanasi, specializzato nella musica barocca e in repertori cameristici con particolare attenzione al Lied tedesco, accompagnato al pianoforte dal pianista e musicologo vercellese Massimo Viazzo.

In programma la Winterreise D 911 che, con i suoi ventiquattro Lieder, accanto a Die Schöne Müllerin è considerato il più importante ciclo di romanze schubertiane.

Il Viaggio d’inverno di Franz Schubert, scritto in due momenti differenti un anno prima della morte dell’autore su testi poetici di Wilhelm Müller, si aprirà sulle note della Gute Nacht.

In un crescendo di dolore, Zanasi e Viazzo ripercorreranno le disavventure del protagonista, prototipo del viaggiatore in senso romantico. Tra il movimento de La banderuola (Die Wetterfahne) che, come i trilli insistenti e soffocati al basso, sventola sinistra sulla casa dell’amata, e il suono delle Lacrime di ghiaccio (Gefrorene Tränen), ricreate dagli accordi secchi e staccati del pianoforte, il protagonista temerà il Congelamento (Erstarrung) salvo poi cercare un impossibile conforto nella natura (Der Lindenbaum, Wasserflut, Auf dem Flusse). Stremato dal percorso nel clima rigido il Wanderer schubertiano sognerà quindi una ritardataria consolazione ricordando i momenti lieti del passato (Rückblick, Frühlingstraum) ma non riuscirà nel suo scopo e si sveglierà nella completa Einsamkeit (Solitudine) e nell’effimera illusione di una missiva da parte dell’amata lontana, Die Post. A chiudere ecco quindi la melodia scarna e ipnoticamente ripetitiva del suonatore d’organetto (Der Leiermann) preceduta, di poco, da un ultimo atto di Coraggio (Muth!) costretto però a vita breve per il sopraggiungere del buio invocato ne Gli altri astri (Die Nebensonnen).

I Lieder, metafore dell’ultimo viaggio, si articolano in un dialogo struggente e profondo, riproposto magistralmente attraverso la ricercatezza stilistica di Zanasi e Viazzo, ormai esperti e internazionalmente noti proprio per le loro interpretazioni schubertiane.

Per INFO BIGLIETTERIA e per ogni informazione e per l’acquisto dei biglietti è possibile rivolgersi (dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 14.30) all’Accademia Corale Stefano Tempia in via Giolitti 21/A 10123 Torino, e-mail biglietteria@stefanotempia.it.

I biglietti sono acquistabili anche on-line su Soft Tickets all’indirizzo www3.anyticket.it . Nel giorno del concerto sarà possibile acquistare il biglietto presso il Teatro del Conservatorio G. Verdi di Via Giuseppe Mazzini n. 11 a partire dalle ore 20.30.

Print Friendly