"In fondo agli occhi" continua il successo di repliche

in-fondo-agli-occhi-3

Continua il successo di repliche per la Compagnia Berardi Casolari che propone nelle piazze di Italia lo spettacolo “In fondo agli occhi

In fondo agli occhi è uno spettacolo di nuova drammaturgia che affronta le tematiche della crisi e della malattia da questa prodotta e derivata. L’indagine parte e si sviluppa da due differenti punti di vista: uno reale, in cui la cecità, malattia fisica, diventa filtro speciale attraverso cui analizzare il contemporaneo, e l’altro metaforico, in cui la cecità è la condizione di un intero Paese rabbioso e smarrito che brancola nel buio alla ricerca di una via d’uscita. Chi è più cieco di chi vive, senza avere un sogno, una prospettiva davanti a sé, di chi essendone consapevole, non può far altro che cedere alla disperazione? In scena una barista, Italia, donna delusa e abbandonata dal suo uomo, e Tiresia, suo socio ed amante, non vedente, raccontano la propria storia, i propri sogni mancati, le proprie debolezze e le proprie speranze in un bar, metafora di un paese dove: ” …non è rimasto più nessuno… perché ci vuole talento anche per essere mediocri…”

Queste le date di Marzo 2014

22 marzo – Oppido Lucano (PZ) – Teatro Obadiah – ore 20.30 – INFO

28 e 29 marzo – Lecce  – Cantieri Teatrali Koreja – ore 20.45  – INFO

30 marzo – Palagiano (TA) – Teatro Comunale Wojtyla – ore 20.00 – INFO

Dicono di loro:

Gianfranco Berardi è lo spirito libero di un teatro non addomesticato: nel suo (e nel nostro) buio accende lampi spavaldi di intelligenza, risate e struggenti dolcezze. La regia di Cèsar Brie sorveglia con discrezione, la complicità di Gabriella Casolari arrotonda gli eccessi. Inutile resistere a Berardi: anche se non vuoi ti porta in fondo agli occhi, dalle parti del cuore. Sara Chiappori – La Repubblica

E allora fa bene al cuore e alla mente vedere un istrionico Gianfranco Berardi (come si fa a non amarlo?) mentre gioca con la sua cecità, che sfida per sfidare noi, finché diventa metafora attraverso cui raccontare il  dolore e la crisi dei nostri tempi … Perfetta la regia di questo spettacolo che sancisce l’unione fra la coppia italiana e il regista argentino. Francesca De Sanctis – L’Unità

La vitalità di Berardi si accresce di continuo, il suo trip (è la parola giusta) può assumere le forme più eloquenti. In questa occasione egli si chiama Tiresia, frequenta un bar Italia che prende il nome dalla sua proprietaria (Gabriella Casolari) parla e straparla di ogni argomento d’attualità..il suo piacere è questo “prendere a bastonate la vostra ipocrisia”. Franco Cordelli – Il Corriere della sera

Per maggiori info:
www.berardicasolari.it

Print Friendly, PDF & Email